Condividi su:

DECRETO LEGGE CORONAVIRUS 4 MARZO 2020

05/03/2020

Come noto a tutti, ormai, in data odierna 4 marzo 2020, il Governo ha emanato il Decreto Legge recante le misure urgenti per contenere il diffondersi del virus Covid -19 (Coronavirus) sull’intero Territorio Nazionale.

Da domani 5 marzo 2020 e fino al 3 aprile 2020 sono sospese una serie di attività che sono state ritenute rischiose ai fini del contrasto alla diffusione del Virus.

Con la presente Circolare, verranno focalizzate le parti del Decreto che interessano le attività svolte da Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche, nonché Circoli.

Per le Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche

L’Art. 1, lettera. c): “sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d)”;

Secondo l’Allegato 1, lett. d) sopra citato, le Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche possono continuare a svolgere l’attività sportiva di base a condizione che siano in grado di far rispettare la raccomandazione di “mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro”;

Secondo l’Art. 2, lett. e) “è raccomandato ai comuni e agli altri enti territoriali, nonché alle associazioni culturali e sportive, di offrire attività ricreative individuali alternative a quelle collettive interdette dal 6 presente decreto, che promuovano e favoriscano le attività svolte all’aperto, purché svolte senza creare assembramenti di persone ovvero svolte presso il domicilio degli interessati”.

Per i Circoli

Secondo l’Art. 1, lett. b) “sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro di cui all’allegato 1, lettera d)”;

In conclusione

Considerata la genericità di alcuni passaggi del Decreto Legge, non si è in grado di indicare puntualmente quali misure debbano essere adottate in concreto.

Tuttavia, suggeriamo di adottare un comportamento di massima cautela e di prevedere, con la massima urgenza, regole di accesso presso le vostre strutture che risultino in linea con le previsioni contenute nel Decreto Legge.

A mero titolo esemplificativo è consigliato:

-          limitare il numero delle persone che accedono; i presenti all’interno dei locali devono essere in numero tale da poter rispettare la distanza di sicurezza prevista nel Decreto;

-          segnalare ai soci che se presentano sintomi o sono stati a contatto con persone potenzialmente infette devono rimanere a casa;

-          esporre presso le vostre strutture sportive le misure igienico-sanitarie contenute all’Allegato 1 del Decreto Legge;

       redigere ed esporre presso le vostre strutture sportive un regolamento di comportamento per i frequentatori;

-          dotarsi all’interno delle strutture di disinfettanti.

Alle Strutture che non sono in grado di impostare regole in linea con il Decreto Legge si consiglia, a nostro malgrado, di rimanere chiuse.

Avv. Andrea D’Agata

Avv. Paola Labrini